Con la collaborazione del Centro Studi SEAC siamo lieti di inviarLe il n. 7 di

 

 – Aprile 2024

 

LE ULTIME NOVITÀ

 

Lavoratori stranieri da remoto: ingresso e soggiorno in Italia

 

 

Decreto 29 febbraio 2024
(G.U. n. 79 del 4 aprile 2024)

Sulla Gazzetta è stato pubblicato il decreto del Ministero dell’Interno, recante le modalità e i requisiti per l’ingresso e il soggiorno dei cittadini di Stati extraUE che svolgono un’attività lavorativa altamente qualificata con utilizzo di strumenti tecnologici che consentono di lavorare da remoto. Inoltre, sono definiti i limiti minimi di reddito del richiedente e le modalità per la verifica dell’attività lavorativa da svolgere.
Retribuzioni convenzionali lavoratori all’estero: le regolarizzazioni

 

 

 

 

Circolare INPS n. 49 del 25 marzo 2024

Con decreto è stato fissato l’importo delle retribuzioni convenzionali per l’anno 2024 nei confronti dei lavoratori all’estero in Paesi extracomunitari non legati all’Italia da accordi in materia di sicurezza sociale. A riguardo, l’INPS ha fornito precisazioni sull’utilizzo delle suddette retribuzioni ai fini del calcolo dei contributi, nonché le istruzioni per la regolarizzazione delle eventuali contribuzioni versate per i mesi di gennaio, febbraio e marzo 2024 sulla base di importi difformi rispetto alle tabelle ministeriali.
Lavoratori sportivi dipendenti: applicazione massimale contributivo

 

 

 

 

Circolare INPS n. 50 del 25 marzo 2024

Viene illustrato il regime contributivo del c.d. Decreto Anticipi, che ha previsto l’applicazione del massimale contributivo e pensionabile, in relazione alla contribuzione a carico dei datori, dovuta per il finanziamento dell’assicurazione economica di malattia e di maternità, degli assegni per il nucleo familiare e della NASpl, con riferimento ai lavoratori sportivi con contratto di lavoro subordinato. Sono fornite indicazioni sul riconoscimento delle prestazioni di malattia e maternità.
Applicazione del contratto a tutele crescenti ai lavoratori già impiegati in piccole imprese

 

 

Corte Costituzionale Sentenza n. 44
del 19 marzo 2024

La Corte Costituzionale ha stabilito che ai lavoratori di piccole imprese assunti prima dell’entrata in vigore del D.Lgs. n. 23/2015, non si applica l’art. 18 dello Statuto dei Lavoratori, ma il regime di tutela del licenziamento individuale illegittimo previsto per i contratti a tutela crescente. Questo avviene nel caso in cui il datore di lavoro superi la soglia dimensionale di 15 occupati nell’unità produttiva a seguito di assunzioni a tempo indeterminato intervenute dopo l’entrata in vigore del decreto.
Ammortizzatori sociali: indicazioni per le cooperative DPR 602/1970

 

 

 

Messaggio INPS n. 1167
del 19 marzo 2024

L’INPS chiarisce le tutele in materia di ammortizzatori sociali spettanti alle imprese costituite in forma cooperativa e le relative contribuzioni applicabili. Tali imprese sono soggette alla disciplina del FIS (o dei fondi di solidarietà) e della CIGS, dal 1° gennaio 2024, per tutti i lavoratori subordinati, soci e non soci. Le procedure INPS saranno adeguate dalle competenze di aprile 2024, mentre per i primi mesi dell’anno i datori interessati dovranno procedere con il versamento di arretrati.
In Gazzetta il Decreto “Anziani”

 

 

Decreto Legislativo n. 29 del 15 marzo 2024 (G.U. n. 65 del 18 marzo 2024)

È stato pubblicato in Gazzetta il Decreto, recante “Disposizioni in materia di politiche in favore delle persone anziane”. In particolare, sono previste disposizioni in materia di lavoro agile, prestazione universale, agevolazioni contributive e fiscali e caregiver familiari.

 

 

COMMENTI

 

MASSIMALE CONTRIBUTIVO INPS:
DISPONIBILE “PRISMA” A SUPPORTO DEI DATORI DI LAVORO

È disponibile da oggi, 10 aprile 2024, la nuova procedura “PRISMA” (prospetto informativo sintetico per il corretto adempimento contributivo in relazione al massimale), finalizzata a fornire le informazioni presenti negli archivi informatici dell’INPS al momento della consultazione, utili a supportare il datore di lavoro nella valutazione circa l’applicabilità o meno del massimale contributivo ai fini del corretto adempimento dell’obbligo contributivo.

La procedura “PRISMA” consente, infatti, di controllare se il lavoratore ha o meno contributi ante 1996, ovvero se ha presentato domanda di riscatto o di accredito figurativo di contributi che si collocano temporalmente prima del 1° gennaio 1996.

Soggetti abilitati

Possono accedere a “PRISMA” sia i datori di lavoro che gli intermediari. In una prima fase risultano abilitati all’utilizzo della piattaforma solo i datori di lavoro privati con dipendenti iscritti alle forme pensionistiche obbligatorie gestite dall’INPS – Gestione privata. Con apposito messaggio l’INPS comunicherà l’accessibilità al servizio da parte di tutti i datori di lavoro con dipendenti, comprese le Pubbliche Amministrazioni e i datori di lavoro con dipendenti iscritti alla Gestione pubblica.

L’interrogazione può essere effettuata solo dopo il primo invio del flusso UniEmens del lavoratore, in modo tale che il datore di lavoro interrogante risulti collegato funzionalmente al lavoratore.

In caso di verifica per lavoratori non più in forza, l’accertamento deve invece essere richiesto direttamente alle sedi dell’INPS.

Prospetto informativo

La procedura emette un prospetto informativo sulla base dei dati presenti nell’archivio dell’INPS e nel casellario dei lavoratori attivi alla data dell’interrogazione, nel quale è riportata la data in cui risulta presente il primo contributo obbligatorio riferito a forme pensionistiche obbligatorie, se precedente al 1° gennaio 1996, oppure l’informazione della presenza di una domanda di accredito figurativo o riscatto relativo a periodi antecedenti il 1° gennaio 1996. Riporta, inoltre la data dell’eventuale opzione per il sistema contributivo per i lavoratori con contributi ante 1° gennaio 1996, anche con riferimento a casse pensionistiche professionali obbligatorie.

Il prospetto informativo rilasciato dalla procedura, oltre ad essere necessario per la corretta applicazione del massimale contributivo, garantisce la tutela della privacy del lavoratore fornendo le informazioni minime presenti sulla posizione assicurativa INPS dell’assicurato o raccolte nell’ambito del Casellario dei lavoratori attivi.

Preme evidenziare che il prospetto ha esclusivamente valore informativo in relazione alle notizie in esso riportate, riferite all’assicurato, e non ha valore certificativo della posizione assicurativa del lavoratore medesimo. Tale posizione potrebbe essere modificata in relazione all’iscrizione a forme pensionistiche diverse da quelle gestite dall’INPS (e, dunque, non presenti nei suoi archivi) o a circostanze non rinvenibili dagli archivi informatici dell’INPS.

 

GLI ADEMPIMENTI DEL MESE DI APRILE 2024

 

 

 

MERCOLEDì 10

Contributi INPS trimestrali personale domestico

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi previdenziali relativi al trimestre gennaio – marzo 2024 per il personale domestico.

Versamento tramite bollettino MAV.

Contributi “Fondo M. Negri”, “Fondo A. Pastore” e “Fondo M. Besusso” trimestrali

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi di previdenza ed assistenza integrativa, rispettivamente al “Fondo M. Negri”, al “Fondo A. Pastore” ed al “Fondo M. Besusso”, a favore di dirigenti di aziende commerciali, relativi al trimestre gennaio – marzo 2024.

Versamento tramite bonifico bancario.

 

 

MARTEDì 16

Ritenute IRPEF mensili

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento delle ritenute alla fonte operate da tutti i datori di lavoro, sostituti d’imposta, sui redditi di lavoro dipendente e assimilati, corrisposti nel mese di marzo 2024.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS mensili

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi previdenziali a favore della generalità dei lavoratori dipendenti, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di marzo 2024.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS Gestione EX-ENPALS mensili

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi previdenziali a favore dei lavoratori dello spettacolo, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di marzo 2024.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS Gestione EX-INPGI mensili

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi previdenziali a favore dei giornalisti professionisti, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di marzo 2024.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS mensili Gestione Separata

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento alla Gestione Separata dei contributi dovuti su compensi erogati nel mese di marzo 2024 a collaboratori coordinati e continuativi.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Addizionali

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento delle addizionali regionale/comunale su redditi da lavoro dipendente (marzo 2024).

 

SABATO 20 ® LUNEDì 22

Contributi Previndai e Previndapi trimestrali

Ultimo giorno per effettuare il versamento dei contributi integrativi a favore dei dirigenti di aziende industriali e delle piccole e medie industrie, relativi al trimestre gennaio – marzo 2024.

Versamento tramite bonifico bancario.

 

 

MARTEDì 30

Invio telematico del flusso UNIEMENS

Ultimo giorno utile per inviare telematicamente la denuncia mensile UniEmens di dati retributivi e contributivi INPS per i lavoratori dipendenti e parasubordinati iscritti alla Gestione separata (co.co.co, lavoratori autonomi occasionali, incaricati della vendita a domicilio e associati in partecipazione) relativa ai compensi corrisposti nel mese di marzo 2024. Presentazione all’INPS del Flusso UniEmens tramite internet.

INPS Gestione ex-ENPALS – Denuncia contributiva unificata

Ultimo giorno utile per presentare la denuncia mensile unificata di somme dovute e versate, relative al mese di marzo 2024, a favore dei lavoratori dello spettacolo.

Invio tramite Flusso UniEmens.

INPS Gestione agricoli – Denuncia contributiva unificata

Ultimo giorno utile per presentare la denuncia mensile unificata relativa agli operai agricoli a tempo indeterminato, determinato e compartecipanti individuali, e loro retribuzioni, contenente i dati relativi al mese di marzo 2024.

Invio tramite Flusso UniEmens.

Stampa Libro unico

Ultimo giorno utile per effettuare la stampa del Libro unico relativamente alle variabili retributive del mese di marzo 2024.

Rapporto biennale parità uomo-donna

Termine ultimo per l’invio telematico, da parte delle imprese pubbliche e private che occupano più di 50 dipendenti, del rapporto relativo al biennio 2022-2023 sulla situazione del personale maschile e femminile.

Presentazione mediante applicativo dal portale del Ministero del Lavoro.

 

 

 

 

FESTIVITÀ CADENTI NEL MESE DI APRILE 2024

Lunedì 1: Lunedì dell’Angelo

Giovedì 25: Festa della Liberazione

Eventuali festività legate alla ricorrenza del Santo Patrono.

Con la collaborazione del Centro Studi SEAC siamo lieti di inviarLe il n. 6 di

 

 – Marzo 2024

 

LE ULTIME NOVITÀ

 

Riforma dello sport: indicazioni sul diritto di opzione al FPLS

 

 

Messaggio INPS n. 1190
del 20 marzo 2024

L’INPS recepisce la proroga al 30 giugno 2024 per l’esercizio del diritto di opzione per le figure degli istruttori presso impianti e circoli sportivi, direttori tecnici e istruttori presso società sportive già iscritti al FPLS e fornisce le istruzioni a cui fare riferimento in caso di mantenimento del regime previdenziale già in godimento per le relative operazioni di esposizione e regolarizzazione attraverso i flussi di denuncia UniEmens.
Retribuzioni convenzionali 2024

 

 

 

 

 

 

Decreto 6 marzo 2024
(G.U. n. 66 del 19 marzo 2024)

Il Ministro del Lavoro di concerto con il MEF ha stabilito, per ciascun settore, le retribuzioni convenzionali 2024 per i lavoratori all’estero. Tali retribuzioni vanno utilizzate per il calcolo:

·        dei contributi dovuti per le assicurazioni obbligatorie dei lavoratori italiani operanti all’estero;

·        per il calcolo delle imposte sul reddito da lavoro dipendente.

Per i lavoratori per i quali sono previste fasce di retribuzione, la retribuzione convenzionale imponibile è determinata sulla base del confronto con la fascia di retribuzione nazionale corrispondente.

Decreto PNRR: l’analisi delle novità

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota INL n. 521 del 13 marzo 2024

L’INL propone la sintesi sui contenuti del decreto di interesse per i datori:

·        DURC e regolarità contributiva ed appalto e distacco;

·        responsabilità solidale retributiva e contributiva;

·        aumento dell’importo della maxisanzione per il lavoro “nero”;

·        sanzioni per appalto e somministrazione illecita;

·        imprese agricole e attività stagionali;

·        lista di conformità INL;

·        verifica della congruità in materia di appalti in edilizia;

·        incentivi lavoro domestico;

·        qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi tramite crediti;

·        sanzioni civili per omissione/evasione contributiva.

Fringe benefit prestiti ai dipendenti e trattamento integrativo speciale

 

 

Circolare Agenzia delle Entrate
n. 5 del 7 marzo 2024

L’Agenzia ha fornito indicazioni operative circa:

·        le modalità di determinazione del compenso in natura connesso ai prestiti erogati ai lavoratori dipendenti;

·        il trattamento integrativo speciale per i lavoratori degli esercizi di somministrazione alimenti e bevande e del comparto turistico, ricettivo e termale, per il periodo 1° gennaio – 30 giugno 2024.

Lavori usuranti: invio della comunicazione annuale

 

 

Decreto Legislativo n. 67
del 21 aprile 2011

I datori di lavoro che nell’anno 2023 hanno adibito il personale dipendente a lavorazioni usuranti devono inviare, esclusivamente per via telematica tramite il sito www.cliclavoro.gov.it, il modello LAV-US, comunicando il periodo o i periodi nei quali ogni lavoratore ha svolto le attività usuranti. Il termine di presentazione della comunicazione annuale quest’anno slitta al 2 aprile 2024 (anziché 31 marzo) a causa delle festività pasquali.

 

 

 

COMMENTI

 

 

NUOVI LIMITI DI ESENZIONE FISCALE PREVISTI PER L’ANNO 2024 PER RIMBORSI SPESA UTENZE DOMESTICHE, AFFITTO E INTERESSI MUTUO

L’Agenzia delle Entrate, con Circolare n. 5 del 7 marzo 2024, ha fornito chiarimenti con riguardo ai nuovi limiti di esenzione, per l’anno 2024, del valore dei beni ceduti e dei servizi prestati ai lavoratori nonché delle somme rimborsate agli stessi per le spese delle utenze domestiche, degli interessi sul mutuo prima casa e dell’affitto della prima casa.

Limiti di esenzione

In deroga a quanto previsto dall’art. 51, comma 3 del TUIR, il limite di non concorrenza al reddito è stato innalzato, per il 2024, dalla soglia ordinaria di euro 258,23 a:

  • euro 1.000 per la generalità dei lavoratori;
  • euro 2.000 per i lavoratori con figli fiscalmente a carico, compresi i figli nati fuori del matrimonio riconosciuti, adottivi o affidati (ai sensi dell’art. 12, comma 2 del TUIR).

Affinché il figlio possa considerarsi a carico è necessario che il reddito dallo stesso percepito non sia superiore annualmente a euro 4.000 per figli minori di anni ventiquattro e non superiore a euro 2.840,51 per figli superiori a ventiquattro anni.

L’ agevolazione spetta in misura intera a ogni genitore, anche in presenza di un unico figlio e indipendentemente dalla percentuale di carico. La condizione di “fiscalmente a carico” va verificata con riferimento alla data del 31 dicembre 2024.

 

Nell’ipotesi di superamento dei limiti di esenzione di euro 1.000 o euro 2.000 per lavoratori con figli a carico, l’intero valore/somma concorre alla formazione del reddito imponibile secondo le modalità ordinarie e non soltanto la quota eccedente detti limiti.

Tipologie di benefits erogabili        

Rientrano nei limiti di esenzione di euro 1.000 o euro 2.000:       

  • il valore dei beni ceduti e servizi prestati ai lavoratori (ad esempio, buoni acquisto, buoni carburante, ecc.);
  • le somme erogate o rimborsate ai lavoratori per il pagamento delle utenze domestiche del servizio idrico, dell’energia elettrica e del gas naturale sostenute per immobili detenuti/posseduti ad uso abitativo;
  • le somme rimborsate per il canone di locazione della prima casa nonché per gli interessi sul mutuo relativo alla prima casa.

 

Su indicazioni dell’Agenzia, la nozione di “prima casa” coincide con il concetto di “abitazione principale”, pertanto si intende quella nella quale il contribuente o i suoi familiari dimorano abitualmente come data evidenza all’interno dei registri anagrafici o attestato previa autocertificazione resa dal lavoratore ai sensi dell’art. 47 del DPR n. 445/2000.

 

In relazione alle spese rimborsate per l’affitto e per gli interessi sul mutuo, il contribuente non potrà beneficiare delle agevolazioni previste per le medesime spese in sede di dichiarazione dei redditi, dal momento che non possono più essere considerate effettivamente sostenute.

 

Documentazione da tenere agli atti

 

Con riguardo alla documentazione che il datore di lavoro deve tenere agli atti ai fini giustificativi relativamente alle spese per utenze domestiche, canone di locazione e interessi mutuo prima casa rimborsate, sono previste due modalità alternative:

 

  • acquisizione e conservazione della documentazioneoriginale nel rispetto delle norme vigenti in materia di trattamento dei dati personali (Regolamento UE 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016 e D.Lgs. n. 196/2003);
  • acquisizione di una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, ai sensi del DPR n. 445/2000, con la quale il lavoratore richiedente
  • con riferimento al rimborso utenze domestiche, attesti di essere in possesso della documentazione comprovante il pagamento delle stesse, di cui riporti gli elementi necessari per identificarle (numero e intestatario della fattura, tipologia di utenza, importo pagato, data e modalità di pagamento);
  • con riferimento al rimborso spese canone di locazione e/o interessi mutuo, attesti di essere in possesso della documentazione comprovante il pagamento dell’affitto o degli interessi sul mutuo.

 

In aggiunta alla documentazione di cui sopra è necessario tenere agli atti una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà che attesti che le medesime fatture non siano già state oggetto di richiesta di rimborso, totale o parziale.

 

 

 

GLI ADEMPIMENTI DEL MESE DI APRILE 2024

 

 

31 MARZO (DOMENICA) ® MARTEDì 2

Invio telematico del flusso UniEmens

Ultimo giorno utile per inviare telematicamente la denuncia mensile UniEmens di dati retributivi e contributivi INPS per i lavoratori dipendenti e parasubordinati iscritti alla Gestione separata (co.co.co, lavoratori autonomi occasionali, incaricati della vendita a domicilio e associati in partecipazione) relativa ai compensi corrisposti nel mese di febbraio 2024.

Presentazione all’INPS del Flusso UniEmens tramite internet.

INPS Gestione ex-ENPALS – Denuncia contributiva unificata

Ultimo giorno utile per presentare la denuncia mensile unificata di somme dovute e versate, relative al mese di febbraio 2024, a favore dei lavoratori dello spettacolo.

Invio tramite Flusso UniEmens.

INPS Gestione agricoli – Denuncia contributiva unificata

Ultimo giorno utile per presentare la denuncia mensile unificata relativa agli operai agricoli a tempo indeterminato, determinato e compartecipanti individuali, e loro retribuzioni, contenente i dati relativi al mese di febbraio 2024.

Invio tramite Flusso UniEmens.

Stampa Libro unico

Ultimo giorno utile per effettuare la stampa del Libro unico relativamente alle variabili retributive del mese di febbraio 2024.

 

MERCOLEDì 10

Contributi INPS trimestrali personale domestico

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi previdenziali relativi al trimestre gennaio – marzo 2024 per il personale domestico.

Versamento tramite bollettino MAV.

Contributi “Fondo M. Negri”, “Fondo A. Pastore” e “Fondo M. Besusso” trimestrali

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi di previdenza ed assistenza integrativa, rispettivamente al “Fondo M. Negri”, al “Fondo A. Pastore” ed al “Fondo M. Besusso”, a favore di dirigenti di aziende commerciali, relativi al trimestre gennaio – marzo 2024.

Versamento tramite bonifico bancario.

 

MARTEDì 16

Ritenute IRPEF mensili

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento delle ritenute alla fonte operate da tutti i datori di lavoro, sostituti d’imposta, sui redditi di lavoro dipendente e assimilati, corrisposti nel mese di marzo 2024.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS mensili

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi previdenziali a favore della generalità dei lavoratori dipendenti, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di marzo 2024.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS Gestione EX-ENPALS mensili

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi previdenziali a favore dei lavoratori dello spettacolo, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di marzo 2024.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS Gestione EX-INPGI mensili

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi previdenziali a favore dei giornalisti professionisti, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di marzo 2024.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS mensili Gestione Separata

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento alla Gestione Separata dei contributi dovuti su compensi erogati nel mese di marzo 2024 a collaboratori coordinati e continuativi.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Addizionali

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento delle addizionali regionale/comunale su redditi da lavoro dipendente (marzo 2024).

 

SABATO 20 ® LUNEDì 22

Contributi Previndai e Previndapi trimestrali

Ultimo giorno per effettuare il versamento dei contributi integrativi a favore dei dirigenti di aziende industriali e delle piccole e medie industrie, relativi al trimestre gennaio – marzo 2024.

Versamento tramite bonifico bancario.

 

MARTEDì 30

Invio telematico del flusso UNIEMENS

Ultimo giorno utile per inviare telematicamente la denuncia mensile UniEmens di dati retributivi e contributivi INPS per i lavoratori dipendenti e parasubordinati iscritti alla Gestione separata (co.co.co, lavoratori autonomi occasionali, incaricati della vendita a domicilio e associati in partecipazione) relativa ai compensi corrisposti nel mese di marzo 2024. Presentazione all’INPS del Flusso UniEmens tramite internet.

INPS Gestione ex-ENPALS – Denuncia contributiva unificata

Ultimo giorno utile per presentare la denuncia mensile unificata di somme dovute e versate, relative al mese di marzo 2024, a favore dei lavoratori dello spettacolo.

Invio tramite Flusso UniEmens.

INPS Gestione agricoli – Denuncia contributiva unificata

Ultimo giorno utile per presentare la denuncia mensile unificata relativa agli operai agricoli a tempo indeterminato, determinato e compartecipanti individuali, e loro retribuzioni, contenente i dati relativi al mese di marzo 2024.

Invio tramite Flusso UniEmens.

Stampa Libro unico

Ultimo giorno utile per effettuare la stampa del Libro unico relativamente alle variabili retributive del mese di marzo 2024.

 

 

FESTIVITÀ CADENTI NEL MESE DI APRILE 2024

Lunedì 1: Lunedì dell’Angelo

Giovedì 25: Festa della Liberazione

Eventuali festività legate alla ricorrenza del Santo Patrono.

 

 

 

Con la collaborazione del Centro Studi SEAC siamo lieti di inviarLe il n. 5 di

 

 – Marzo 2024

 

LE ULTIME NOVITÀ

 

Ripresa dei versamenti dei contributi sospesi a seguito di calamità naturali

 

 

 

 

 

Circolare INPS n. 43 del 6 marzo 2024

L’INPS fornisce precisazioni sugli effetti derivanti dal mancato o parziale pagamento dell’importo delle singole rate alle scadenze dovute, aventi ad oggetto i contributi sospesi a seguito di calamità naturali. Per il mancato pagamento di due rate, anche non consecutive, si decade dal beneficio della rateizzazione, ma non da quello dell’eventuale definizione agevolata in misura ridotta. Mentre in caso di pagamento parziale, è possibile proseguire con la rateazione, ma, sul debito residuo, saranno applicate le dovute sanzioni civili a decorrere dalla data di ripresa del versamento.
Incentivo donne disoccupate vittime di violenza: prime indicazioni

 

 

 

 

 

 

Circolare INPS n. 41 del 5 marzo 2024

In favore dei datori di lavoro privati che, nel triennio 2024-2026, assumono donne disoccupate vittime di violenza, beneficiarie del c.d. Reddito di libertà, al fine di favorirne il loro inserimento nel mercato del lavoro, è riconosciuto l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali, con esclusione dei premi e contributi all’INAIL, nella misura del 100%, nel limite massimo di importo di 8.000 euro annui riparametrato e applicato su base mensile. In sede di prima applicazione, tale previsione si applica anche a favore delle donne vittime di violenza che hanno usufruito del Reddito di libertà nell’anno 2023.
Lavoro irregolare, appalti e sicurezza

 

 

 

 

 

 

 

 

Decreto Legge n. 19 del 2 marzo 2024

È stato pubblicato il decreto recante ulteriori disposizioni urgenti per l’attuazione del PNRR. Risultano di interesse per i datori di lavoro:

·        le misure di prevenzione e contrasto del lavoro irregolare, con specifico riferimento ai benefici normativi e contributivi;

·        le novità su appalti, prestazioni occasionali in agricoltura, contrasto al lavoro sommerso e vigilanza in materia di salute e sicurezza;

·        l’esonero contributivo per i datori di lavoro domestico;

·        le disposizioni per il rafforzamento dell’attività di accertamento e di contrasto delle violazioni in ambito contributivo;

·        il potenziamento del personale ispettivo.

Le somme erogate alle lavoratrici madri nel reddito imponibile

 

Risposta dell’Agenzia delle Entrate
n. 57 del 1° marzo 2024

Sono stati forniti chiarimenti in merito al trattamento fiscale relativo alle somme erogate alle lavoratrici madri. Considerando che l’attribuzione del welfare aziendale in base allo status di maternità non appare idonea a individuare una “categoria di dipendenti”, si ritiene che le somme in oggetto debbano assumere rilevanza reddituale.
Flussi 2024: compilazione e invio delle domande

 

 

Circolare interministeriale n. 1695
del 29 febbraio 2024

Con apposita circolare il Ministero del Lavoro, il Ministero dell’Interno, il Ministero dell’Agricoltura e il Ministero del Turismo:

·        hanno fornito chiarimenti in merito all’inoltro delle istanze di ingresso in Italia di lavoratori stranieri nell’ambito dei flussi per il 2024;

·        hanno comunicato l’apertura dei termini per la precompilazione delle domande nell’ambito dell’applicativo Portale Servizi ALI.

 

 

 

COMMENTI

 

 

LAVORO DOMESTICO: IN ARRIVO L’ESONERO CONTRIBUTIVO PER GLI ASSISTENTI FAMILIARI A SOGGETTI ULTRAOTTANTENNI

L’articolo 29 del Decreto Legge n. 19 del 2 marzo 2024 disciplina l’esonero contributivo per l’assunzione o la stabilizzazione di lavoratori domestici con mansioni di assistenza ad anziani:

  • di età superiore a 80 anni;
  • non autosufficienti;
  • che percepiscono l’indennità di accompagnamento.

Tale beneficio è finalizzato a promuovere il miglioramento del livello qualitativo e quantitativo dell’assistenza in favore delle persone anziane non autosufficienti e favorire la regolarizzazione del lavoro di cura prestato al domicilio della persona non autosufficiente.

Per la piena operatività dell’esonero è tuttavia necessario attendere le istruzioni INPS relative al funzionamento ed alle modalità di richiesta del beneficio.

Soggetti interessati, misura e durata dell’esonero

In caso di assunzione o trasformazione a tempo indeterminato di un lavoratore domestico con mansioni di assistente ad anziani di età pari o superiore a 80 anni, già titolari di indennità di accompagnamento, è riconosciuto l’esonero totale (100%) dal versamento dei complessivi contributi previdenziali ed assicurativi a carico del datore di lavoro domestico nel limite massimo di 3.000 euro annui, riparametrati ed applicati su base trimestrale.

L’esonero spetta per un periodo massimo di 24 mesi.

Il datore di lavoro che beneficia del predetto esonero deve possedere un valore dell’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) per le prestazioni agevolate di natura sociosanitaria, in corso di validità, non superiore a 6.000 euro.

Esclusioni

Non è possibile beneficiare dell’esonero contributivo:

  • qualora tra il medesimo lavoratore e il medesimo datore di lavoro (o persona del suo nucleo familiare) sia cessato un rapporto di lavoro domestico, con mansioni di assistente a soggetti anziani, da meno di 6 mesi;
  • in caso di assunzione di parenti o affini, salvo che il rapporto abbia ad oggetto lo svolgimento delle seguenti mansioni
    • assistenza degli invalidi di guerra civili e militari, invalidi per causa di servizio, invalidi del lavoro, fruenti dell’indennità di accompagnamento;
    • assistenza dei mutilati ed invalidi civili fruenti delle provvidenze di cui alla Legge n. 118/1971 (“Conversione in legge del DL n. 5/1971 e nuove norme in favore dei mutilati ed invalidi civili”), o che siano esclusi da dette provvidenze per motivi attinenti alle loro condizioni economiche e non al grado di menomazione;
    • assistenza dei ciechi civili fruenti del particolare trattamento di pensione previsto dalla Legge n. 66/1962 (“Nuove disposizioni relative all’Opera nazionale per i ciechi civili”) e successive modifiche ed integrazioni o che ne avrebbero diritto qualora non fossero titolari di un reddito superiore ai limiti stabiliti dalle disposizioni che disciplinano la materia;
    • prestazioni di opere nei confronti dei sacerdoti secolari di culto cattolico;
    • prestazioni di servizi diretti e personali nei confronti dei componenti le comunità religiose o militari di tipo familiare.

 

 

 

 

GLI ADEMPIMENTI DEL MESE DI MARZO 2024

 

 

 

SABATO 16 ® LUNEDì 18

Ritenute IRPEF mensili

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento delle ritenute alla fonte operate da tutti i datori di lavoro, sostituti d’imposta, sui redditi di lavoro dipendente e assimilati, corrisposti nel mese di febbraio 2024.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS mensili

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi previdenziali a favore della generalità dei lavoratori dipendenti, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di febbraio 2024.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS Gestione EX-ENPALS mensili

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi previdenziali a favore dei lavoratori dello spettacolo, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di febbraio 2024.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS Gestione EX-INPGI mensili

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi previdenziali a favore dei giornalisti professionisti, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di febbraio 2024.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS mensili Gestione Separata

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento alla Gestione Separata dei contributi dovuti su compensi erogati nel mese di febbraio 2024 a collaboratori coordinati e continuativi.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi operai agricoli

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi relativi agli operai agricoli occupati nel trimestre luglio -settembre 2023.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Conguaglio sostituti d’imposta

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento delle ritenute alla fonte inerenti operazioni di conguaglio eseguite nel corso del mese di febbraio 2024 da datori di lavoro e committenti su redditi corrisposti nel corso dell’anno solare 2023.

Invio CU 2024 Ordinaria

Ultimo giorno utile per effettuare l’invio telematico all’Agenzia delle Entrate della CU 2024 Ordinaria.

CU 2024 Sintetica

Consegna certificazione dei redditi di lavoro dipendente e assimilati, redditi diversi e da locazione breve percepiti nell’anno 2023.

Addizionali

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento delle addizionali regionale/comunale su redditi da lavoro dipendente (febbraio 2024).

 

 

GIOVEDì 21

Invio correttivo CU 2024 Ordinaria

A seguito di errato invio delle certificazioni, possibile trasmissione delle CU correttive, senza incorrere in sanzioni.

 

 

DOMENICA 31 ® MARTEDì 2 APRILE

Invio telematico del flusso UniEmens

Ultimo giorno utile per inviare telematicamente la denuncia mensile UniEmens di dati retributivi e contributivi INPS per i lavoratori dipendenti e parasubordinati iscritti alla Gestione separata (co.co.co, lavoratori autonomi occasionali, incaricati della vendita a domicilio e associati in partecipazione) relativa ai compensi corrisposti nel mese di febbraio 2024.

Presentazione all’INPS del Flusso UniEmens tramite internet.

INPS Gestione ex-ENPALS – Denuncia contributiva unificata

Ultimo giorno utile per presentare la denuncia mensile unificata di somme dovute e versate, relative al mese di febbraio 2024, a favore dei lavoratori dello spettacolo.

Invio tramite Flusso UniEmens.

INPS Gestione agricoli – Denuncia contributiva unificata

Ultimo giorno utile per presentare la denuncia mensile unificata relativa agli operai agricoli a tempo indeterminato, determinato e compartecipanti individuali, e loro retribuzioni, contenente i dati relativi al mese di febbraio 2024.

Invio tramite Flusso UniEmens.

Stampa Libro unico

Ultimo giorno utile per effettuare la stampa del Libro unico relativamente alle variabili retributive del mese di febbraio 2024.

 

 

FESTIVITÀ CADENTI NEL MESE DI MARZO 2024

Eventuali festività legate alla ricorrenza del Santo Patrono.

Con la collaborazione del Centro Studi SEAC siamo lieti di inviarLe il n. 4 di

 

 – Febbraio 2024

 

LE ULTIME NOVITÀ

 

“INPS per tutti”: il nuovo canale WhatsApp

 

Comunicato stampa INPS
del 19 febbraio 2024

L’INPS ha reso noto che è attivo “INPS per tutti”. Si tratta del canale WhatsApp ufficiale dell’Istituto dedicato a imprese, pensionati, lavoratori, famiglie e cittadini. Il canale raccoglierà i più importanti aggiornamenti sui diversi temi legati alla previdenza sociale, con l’obiettivo di garantire informazioni sempre più tempestive, semplici e accessibili.
Cassa integrazione ordinaria con causale eventi meteo: chiarimenti

 

 

Messaggio INPS n. 694
del 15 febbraio 2024

In caso di domanda per “eventi meteo” il datore di lavoro deve produrre una relazione tecnica nella quale occorre specificare la tipologia di lavori in corso al verificarsi dell’evento, nonché la fase lavorativa in atto. Qualora nella relazione non siano fornite determinate informazioni, potrà essere attivata una richiesta di supplemento di istruttoria. L’INPS ribadisce alcune istruzioni sulle corrette modalità di gestione dell’iter istruttorio.
Approvato il Codice di condotta delle APL sul corretto trattamento dei dati

 

 

 

 

 

Garante Privacy Newsletter
n. 518 del 14 febbraio 2024

Il Garante per la Privacy ha comunicato l’approvazione del Codice di condotta delle Agenzie per il Lavoro (APL), promosso da Assolavoro, nel quale sono definite delle buone prassi per il corretto trattamento dei dati inerente le attività di intermediazione, ricerca e selezione del personale, a tutela dei candidati a posizioni lavorative. Le Agenzie aderenti si impegnano a trattare solo i dati necessari all’instaurazione del rapporto di lavoro, mentre le informazioni disponibili sui social possono essere raccolte solo se i canali hanno natura professionale ed in ogni caso limitatamente alle sole informazioni connesse alla competenza richiesta.
Nuova funzionalità per l’istruttoria delle “Note di rettifica”

 

 

Messaggio INPS n. 666
del 13 febbraio 2024

È stata rilasciata una nuova funzionalità, realizzata nell’ambito del progetto EASY INPS Servizio rivolto ad intermediari e datori di lavoro per la risoluzione delle anomalie”, con la quale, mediante “consulenza automatizzata”, vengono fornite agli intermediari e agli operatori di Sede specifiche informazioni e puntuali indicazioni utili alla comprensione e alla definizione della “Nota di Rettifica”.
Riforma dell’IRPEF: conferme

 

 

Circolare Agenzia delle Entrate n. 2
del 6 febbraio 2024

Il decreto di revisione della disciplina dell’imposta sul reddito delle persone fisiche introduce, per il periodo d’imposta 2024, modifiche al regime di tassazione del reddito delle persone fisiche (IRPEF). L’Agenzia delle Entrate interviene su tali modifiche limitandosi a confermare il contenuto del decreto e della relazione illustrativa.
Aziende agricole: aliquote contributive per il 2024

 

 

Circolare INPS n. 26 del 31 gennaio 2024

Messaggio INPS n. 569
dell’8 febbraio 2024

L’INPS ha fornito le tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1° gennaio 2024, per le aziende che operano nell’ambito dell’agricoltura.

In particolare, le aliquote in esame si applicano alle aziende che impiegano lavoratori a tempo indeterminato, a tempo determinato, occasionali agricoli (LOAgri). Con successivo messaggio l’Istituto ha apportato delle precisazioni rispetto alle tabelle contributive dovute dalle aziende agricole assuntrici di lavoratori occasionali in agricoltura.

 

 

COMMENTI

 

 

ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE LAVORATRICI CON FIGLI

L’articolo 1, commi 180-182, della Legge di Bilancio 2024 ha introdotto un nuovo esonero previdenziale a favore delle lavoratrici con figli.

Soggetti beneficiari

Possono accedere all’esonero contributivo in esame le lavoratrici madri dipendenti da datori di lavoro, pubblici o privati, a prescindere dalla circostanza che siano o meno qualificabili come “imprenditori”, compresi quelli appartenenti al settore agricolo, con l’esclusione dei rapporti di lavoro domestico.

Nello specifico, l’esonero spetta in favore delle lavoratrici che:

  • nel periodo ricompreso dal 1° gennaio 2024 al 31 dicembre 2026, risultino essere madri di tre o più figli, di cui il più piccolo abbia un’età inferiore a 18 anni (da intendersi come 17 anni e 364 giorni);
  • nel periodo ricompreso dal 1° gennaio 2024 al 31 dicembre 2024, risultino essere madri di due figli, di cui il più piccolo abbia un’età inferiore a 10 anni (da intendersi come 9 anni e 364 giorni).

Rapporti di lavoro agevolati

L’agevolazione trova applicazione per tutti i rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato, sia instaurati che instaurandi nel periodo di vigenza dell’esonero, compresi i part-time nonché i rapporti:

  • di apprendistato,
  • a tempo indeterminato instaurati in attuazione del vincolo associativo stretto con una cooperativa di lavoro,
  • a tempo indeterminato a scopo di somministrazione.

Misura dell’esonero

L’esonero è pari, ferma restando l’aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche (non comportando, quindi, alcuna perdita pensionistica per le beneficiarie), al 100% della contribuzione previdenziale IVS a carico della lavoratrice, nel limite massimo di 3.000 euro annui, da riparametrare e applicare su base mensile.

Di conseguenza, la soglia massima di esonero della contribuzione dovuta dalla lavoratrice:

  • riferita al periodo di paga mensile, è pari a 250 euro (3.000€/12)
  • per i rapporti di lavoro instaurati o risolti nel corso del mese, va riproporzionata assumendo a riferimento la misura di 8,06 euro (250€/31) per ogni giorno di fruizione dell’esonero contributivo.

 

GLI ADEMPIMENTI DEL MESE DI MARZO 2024

 

 

 

SABATO 16 ® LUNEDì 18

Ritenute IRPEF mensili

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento delle ritenute alla fonte operate da tutti i datori di lavoro, sostituti d’imposta, sui redditi di lavoro dipendente e assimilati, corrisposti nel mese di febbraio 2024.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS mensili

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi previdenziali a favore della generalità dei lavoratori dipendenti, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di febbraio 2024.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS Gestione EX-ENPALS mensili

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi previdenziali a favore dei lavoratori dello spettacolo, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di febbraio 2024.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS Gestione EX-INPGI mensili

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi previdenziali a favore dei giornalisti professionisti, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di febbraio 2024.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS mensili Gestione Separata

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento alla Gestione Separata dei contributi dovuti su compensi erogati nel mese di febbraio 2024 a collaboratori coordinati e continuativi.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi operai agricoli

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi relativi agli operai agricoli occupati nel trimestre luglio -settembre 2023.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Conguaglio sostituti d’imposta

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento delle ritenute alla fonte inerenti operazioni di conguaglio eseguite nel corso del mese di febbraio 2024 da datori di lavoro e committenti su redditi corrisposti nel corso dell’anno solare 2023.

Invio CU 2024 Ordinaria

Ultimo giorno utile per effettuare l’invio telematico all’Agenzia delle Entrate della CU 2024 Ordinaria.

CU 2024 Sintetica

Consegna certificazione dei redditi di lavoro dipendente e assimilati, redditi diversi e da locazione breve percepiti nell’anno 2023.

Addizionali

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento delle addizionali regionale/comunale su redditi da lavoro dipendente (febbraio 2024).

 

 

GIOVEDì 21

Invio correttivo CU 2024 Ordinaria

A seguito di errato invio delle certificazioni, possibile trasmissione delle CU correttive, senza incorrere in sanzioni.

 

 

DOMENICA 31 ® MARTEDì 2 APRILE

Invio telematico del flusso UniEmens

Ultimo giorno utile per inviare telematicamente la denuncia mensile UniEmens di dati retributivi e contributivi INPS per i lavoratori dipendenti e parasubordinati iscritti alla Gestione separata (co.co.co, lavoratori autonomi occasionali, incaricati della vendita a domicilio e associati in partecipazione) relativa ai compensi corrisposti nel mese di febbraio 2024.

Presentazione all’INPS del Flusso UniEmens tramite internet.

INPS Gestione ex-ENPALS – Denuncia contributiva unificata

Ultimo giorno utile per presentare la denuncia mensile unificata di somme dovute e versate, relative al mese di febbraio 2024, a favore dei lavoratori dello spettacolo.

Invio tramite Flusso UniEmens.

INPS Gestione agricoli – Denuncia contributiva unificata

Ultimo giorno utile per presentare la denuncia mensile unificata relativa agli operai agricoli a tempo indeterminato, determinato e compartecipanti individuali, e loro retribuzioni, contenente i dati relativi al mese di febbraio 2024.

Invio tramite Flusso UniEmens.

Stampa Libro unico

Ultimo giorno utile per effettuare la stampa del Libro unico relativamente alle variabili retributive del mese di febbraio 2024.

 

 

FESTIVITÀ CADENTI NEL MESE DI MARZO 2024

Eventuali festività legate alla ricorrenza del Santo Patrono.

Con la collaborazione del Centro Studi SEAC siamo lieti di inviarLe il n. 3 di

 

 – Febbraio 2024

 

LE ULTIME NOVITÀ

 

Gestione INPGI: minimali, aliquote e altri aggiornamenti per l’anno 2024

 

 

 

 

Circolari INPGI nn. 1, 2 e 3
del 7 febbraio 2024

L’INPGI ha reso noti i valori aggiornati relativi ai minimali e ai massimali contributivi per i giornalisti iscritti alla Gestione Separata in qualità di co.co.co., nonché gli importi relativi alla contribuzione volontaria e alla rateazione dei debiti contributivi. Inoltre, sono stati indicati gli importi della contribuzione minima per i giornalisti liberi professionisti e il termine di scadenza per la dichiarazione reddituale relativa ai redditi del 2023. Infine, sono state rivalutate pensioni ed aggiornati i valori delle prestazioni previdenziali e assistenziali per il 2024.
Garante Privacy: nuove tutele per
l’e-mail dei lavoratori dipendenti
Garante Privacy Newsletter
n. 517 del 6 febbraio 2024
Il Garante ha comunicato l’adozione del documento di indirizzo 21 dicembre 2023, recante indicazioni utili ai datori di lavoro nel prevenire trattamenti di dati contrari alla disciplina sulla protezione dei dati e sulla tutela della libertà e dignità dei lavoratori. Si chiede ai datori di verificare che i programmi e i servizi informatici di gestione della posta elettronica in uso ai dipendenti consentano di modificare le impostazioni di base, impedendo la raccolta dei metadati o limitando il loro periodo di conservazione ad un massimo di 7 giorni (estensibili per ulteriori 48 ore).
Flussi di ingresso 2024:
click day differiti a marzo
DPCM 19 gennaio 2024
(G.U. n. 26 del 1° febbraio 2024)
Con apposito DPCM è stato deciso il differimento dei click day per l’invio delle domande per assumere lavoratori stranieri in Italia nell’ambito dei flussi 2024, originariamente previsti per il 5, 7 e 12 febbraio 2024. Le nuove date sono state fissate al 18, 21 e 25 marzo 2024, in base alle diverse tipologie di lavoratori interessati.
Differito il termine di iscrizione sul LUL per le collaborazioni sportive

 

 

 

Circolare INL n. 1 del 30 gennaio 2024

Il termine di iscrizione sul LUL per le collaborazioni coordinate e continuative sportive, indicato, dalla Riforma dello Sport, in 30 giorni dalla fine di ciascun anno di riferimento, quindi, originariamente fissato al 30 gennaio 2024, per i rapporti intrattenuti nel 2023, non può trovare applicazione. Tale adempimento non è operativo in attesa dell’adozione di apposito DPCM, ancora in via di emanazione.
Gestione Separata INPS:
le aliquote contributive per il 2024
 

Circolare INPS n. 24 del 29 gennaio 2024

Riguardo ai soggetti iscritti alla Gestione Separata si segnalano: la variazione al 26,07% dell’aliquota per i lavoratori autonomi, titolari di P. IVA, privi di altra Cassa previdenziale o non pensionati; l’applicazione dell’aliquota del 25% per le collaborazioni coordinate e continuative, nonché alle figure assimilate del lavoro sportivo; l’applicazione dell’aliquota del 26,07% per i professionisti del settore sportivo dilettantistico che svolgono prestazioni autonome, per la parte di compenso superiore a 5.000 euro.
I minimali per l’anno 2024

 

Circolare INPS n. 21 del 25 gennaio 2024

L’INPS ha comunicato il limite di retribuzione giornaliera per l’anno 2024 (56,87 euro), aggiornando gli altri valori necessari per il calcolo di tutte le contribuzioni dovute in materia di previdenza ed assistenza sociale.

 

 

 

COMMENTI

 

 

TICKET DI LICENZIAMENTO

Come noto, la Riforma Fornero (art. 2, Legge n. 92/2012) prevede che, nei casi di interruzione di un rapporto a tempo indeterminato, a carico del datore è posto un contributo di licenziamento (cd. ticket) la cui misura varia ogni anno, in relazione all’incremento del massimale mensile della NASpI.

Più precisamente, a carico del datore è dovuta una somma pari al 41% del massimale mensile di NASpI per ogni 12 mesi di anzianità aziendale negli ultimi 3 anni.

L’onere a carico del datore di lavoro è determinato, per il 2024, nella seguente misura: il valore “base” di partenza è pari al massimale della NASpI, ossia 1.550,42 euro; il 41%, ossia la somma dovuta se il rapporto è durato esattamente 12 mesi, è pari a 635,67 euro; per 1 solo mese di rapporto, l’importo è pari a 52,97 euro; per rapporti durati 36 mesi o più, l’importo da versare si ricava moltiplicando 635,67 per 3, con un totale complessivo pari a 1.907,01 euro

Fermo restando che il contributo è dovuto nei soli casi della fine di un rapporto a tempo indeterminato, e che i datori vi sono tenuti in tutti i casi in cui tale cessazione generi in capo al lavoratore (che ha perso involontariamente la propria occupazione) il teorico diritto alla NASpI (a prescindere dalla sua effettiva fruizione), preme ricordare che il versamento è obbligatorio nelle seguenti ipotesi:

  • licenziamento per giustificato motivo oggettivo;
  • licenziamento disciplinare (giusta causa o giustificato motivo soggettivo);
  • licenziamento discriminatorio, orale e/o nullo;
  • recesso del datore durante o al termine del periodo di prova;
  • recesso del datore durante o al termine del periodo formativo dell’apprendista;
  • dimissioni per giusta causa ex art. 2119 del cod. civ.;
  • dimissioni (di fatto equiparate a quelle per giusta causa) nel periodo tutelato di maternità e paternità;
  • dimissioni a seguito dell’avvenuto trasferimento d’azienda;
  • interruzione del rapporto di lavoro per rifiuto del lavoratore del trasferimento ad altra sede dell’azienda distante oltre 50 km dalla residenza del lavoratore o mediamente raggiungibile in oltre 80 minuti con i mezzi di trasporto pubblico, come pure nel caso di trasferimento ingiustificato, ossia non sorretto dalle comprovate ragioni tecniche, organizzative e produttive ex art. 2103 cod. civ.;
  • risoluzione consensuale a seguito della riuscita del “Tentativo obbligatorio di conciliazione”, esperito ai sensi dell’articolo 7 della Legge n. 604/1966, ove il datore intenda recedere per giustificato motivo oggettivo, in quanto – in tal caso – il lavoratore ha diritto alla NASpI;
  • risoluzione consensuale del rapporto intervenuta nell’ambito della procedura relativa alla cd. offerta di conciliazione di cui all’articolo 6 del D.Lgs n. 23/2015;
  • licenziamento del lavoratore intermittente, se assunto a tempo indeterminato;
  • licenziamento collettivo, con le particolarità evidenziate a parte;
  • licenziamento per avvenuto superamento del periodo di comporto, ex art. 2110 cod. civ;
  • ipotesi previste dal Codice della crisi di impresa e dell’insolvenza, di cui al D.Lgs n. 14/2019.

 

 

GLI ADEMPIMENTI DEL MESE DI FEBBRAIO 2024

 

 

 

VENERDì 16

Ritenute IRPEF mensili

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento delle ritenute alla fonte operate da tutti i datori di lavoro, sostituti d’imposta, sui redditi di lavoro dipendente e assimilati, corrisposti nel mese di gennaio 2024.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS mensili

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi previdenziali a favore della generalità dei lavoratori dipendenti, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di gennaio 2024.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS Gestione EX-ENPALS mensili

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi previdenziali a favore dei lavoratori dello spettacolo, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di gennaio 2024.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS Gestione EX-INPGI mensili

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi previdenziali a favore dei giornalisti professionisti, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di gennaio 2024.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS mensili Gestione Separata

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento alla Gestione Separata dei contributi dovuti su compensi erogati nel mese di gennaio 2024 a collaboratori coordinati e continuativi.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Autoliquidazione INAIL

Versamento premio (regolarizzazione 2023 e anticipo 2024) o I rata.

Imposta sostitutiva sulle rivalutazioni del TFR

Versamento saldo dell’imposta sostitutiva sulle rivalutazioni del TFR maturate nell’anno 2023.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Addizionali

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento delle addizionali regionale/comunale su redditi da lavoro dipendente (gennaio 2024).

 

 

GIOVEDì 29

Invio telematico del flusso UniEmens

Ultimo giorno utile per inviare telematicamente la denuncia mensile UniEmens di dati retributivi e contributivi INPS per i lavoratori dipendenti e parasubordinati iscritti alla Gestione separata (co.co.co, lavoratori autonomi occasionali, incaricati della vendita a domicilio e associati in partecipazione) relativa ai compensi corrisposti nel mese di gennaio 2024.

Presentazione all’INPS del Flusso UniEmens tramite internet.

INPS Gestione ex-ENPALS – Denuncia contributiva unificata

Ultimo giorno utile per presentare la denuncia mensile unificata di somme dovute e versate, relative al mese di gennaio 2024, a favore dei lavoratori dello spettacolo.

Invio tramite Flusso UniEmens.

INPS Gestione agricoli – Denuncia contributiva unificata

Ultimo giorno utile per presentare la denuncia mensile unificata relativa agli operai agricoli a tempo indeterminato, determinato e compartecipanti individuali, e loro retribuzioni, contenente i dati relativi al mese di gennaio 2024.

Invio tramite Flusso UniEmens.

Contributi FASI

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento al FASI dei contributi sanitari integrativi per i dirigenti industriali relativi al trimestre gennaio – marzo 2024.

Versamento tramite bollettino di c/c postale predisposto dal FASI.

INAIL

Presentazione telematica delle dichiarazioni delle retribuzioni 2023 con eventuale domanda di riduzione del tasso medio di tariffa.

Stampa Libro unico

Ultimo giorno utile per effettuare la stampa del Libro unico relativamente alle variabili retributive del mese di gennaio 2024.

 

 

FESTIVITÀ CADENTI NEL MESE DI FEBBRAIO 2024

Eventuali festività legate alla ricorrenza del Santo Patrono.

 

Con la collaborazione del Centro Studi SEAC siamo lieti di inviarLe il n. 2 di

 

 – Gennaio 2024

 

LE ULTIME NOVITÀ

 

Riduzione contributiva in edilizia anno 2023: le istruzioni operative

 

 

 

Circolare INPS n. 13 del 17 gennaio 2024

Si ricorda che è stata confermata per il 2023 la riduzione contributiva per le imprese edili, nella misura dell’11,50%. L’Istituto fornisce le istruzioni operative per l’invio e la gestione delle istanze e per la compilazione del flusso UniEmens. Il beneficio può essere fruito avvalendosi delle denunce contributive UniEmens fino al mese di competenza aprile 2024. I datori di lavoro possono inviare le domande fino al 15 maggio 2024.
Esonero contributivo IVS lavoratori dipendenti 2024: istruzioni

 

 

Circolare INPS n. 11 del 16 gennaio 2024

L’Istituto ha reso applicabile già dalle competenze di gennaio l’esonero contributivo sull’aliquota IVS a carico dei lavoratori dipendenti, prorogato a tutto l’anno 2024 dalla Legge di Bilancio 2024. Operativamente, restano valide le indicazioni fornite in precedenza, con la novità dell’esclusione delle mensilità aggiuntive, sulle quali non è più applicabile l’esonero.
Indennità di malattia per i marittimi

 

Messaggio INPS n. 157
del 12 gennaio 2024

L’INPS ha fornito le prime indicazioni operative in merito alle modifiche, introdotte dalla Legge di Bilancio 2024, riguardo alla misura e alla retribuzione di riferimento per il calcolo delle indennità di malattia specifiche dei lavoratori marittimi.
Autoliquidazione 2023/2024: i coefficienti per rateazione del premio

 

 

Nota INAIL n. 268 del 9 gennaio 2024

È stato comunicato il tasso di interesse da applicare in caso di richiesta di pagamento a rate del premio relativo all’Autoliquidazione 2023/2024, che risulta pari al 3,76%. Sulla base del suddetto tasso, l’INAIL ha fornito i coefficienti per il calcolo degli interessi da applicare alla seconda, terza e quarta rata dell’Autoliquidazione 2023/2024.
Agricoltura: nuovi modelli di denuncia aziendale e di domanda di iscrizione alla gestione contributiva

 

Circolare INPS n. 112
del 29 dicembre 2023

Entro la fine del prossimo mese di febbraio 2024, in un’ottica di semplificazione degli adempimenti dichiarativi e di miglioramento della qualità del servizio erogato, saranno rilasciate le nuove procedure informatiche per la compilazione e l’invio dei modelli di inizio di attività per i datori di lavoro agricoli con dipendenti e di iscrizione alla gestione contributiva dei lavoratori autonomi agricoli.
Esonero per assunzione/ trasformazione beneficiari ADI e SFL

 

Circolare INPS n. 111
del 29 dicembre 2023

Diffuse le indicazioni per la gestione degli adempimenti previdenziali relativi all’esonero contributivo per le assunzioni a tempo determinato e indeterminato e per le trasformazioni dei contratti a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato di soggetti beneficiari dell’Assegno di inclusione (ADI) e del Supporto per la formazione e il lavoro (SFL).
Flussi di ingresso 2024: click day

 

 

 

 

 

DPCM 27 settembre 2023

Si ricorda che i termini per la presentazione delle richieste di nulla osta al lavoro per gli ingressi di lavoratori stranieri in Italia decorrono, per il 2024, fino a concorrenza delle rispettive quote o, comunque, entro il 31 dicembre 2024: dalle ore 9,00 del 5 febbraio 2024 per gli ingressi di cui all’articolo 6, comma 3 lettera a); dalle ore 9,00 del 7 febbraio 2024 per gli ingressi di cui all’articolo 6, comma 3, lettera b) e commi 4, 5 e 6; dalle ore 9,00 del 12 febbraio 2024 per gli ingressi di cui all’articolo 7.

 

 

 

COMMENTI

 

LEGGE DI BILANCIO 2024: PRINCIPALI MISURE PER I DATORI

 

La Legge di Bilancio 2024, Legge n. 213/2023, ha previsto alcune misure di interesse per i datori di lavoro, tra le quali troviamo:

  • i nuovi limiti di esenzione per i fringe benefits;
  • l’incremento dell’indennità per congedo parentale.

Fringe benefits

La Finanziaria dispone che, per il 2024, in deroga a quanto previsto dall’art. 51, comma 3 del TUIR, non concorrono a formare il reddito, entro il limite complessivo di euro 1.000:

  • il valore dei beni ceduti e dei servizi prestati ai lavoratori dipendenti;
  • le somme erogate o rimborsate agli stessi lavoratori dai datori di lavoro per il pagamento delle utenze domestiche del servizio idrico integrato, dell’energia elettrica, del gas naturale, delle spese per l’affitto della prima casa nonché per gli interessi sul mutuo relativo alla prima casa.

Il predetto limite di esenzione è aumentato a euro 2.000 per i lavoratori dipendenti con figli fiscalmente a carico, compresi quelli nati fuori del matrimonio riconosciuti o affidati. Si ricorda che per il 2023 tale limite era fissato a 3.000 euro.

Per vedersi applicato il più alto limite di esenzione di euro 2.000, i lavoratori interessati devono dichiarare al datore di lavoro di avervi diritto, indicando il codice fiscale dei figli. I datori di lavoro provvedono all’attuazione della disposizione previa informativa alle Rappresentanze sindacali unitarie, ove presenti.

Congedo parentale

In generale, per i periodi di congedo parentale, le lavoratrici e i lavoratori hanno diritto a percepire un’indennità a carico dell’INPS pari al 30% della retribuzione media globale giornaliera.

La Legge di Bilancio 2023 ha elevato tale indennità dal 30% all’80% della retribuzione, per una mensilità, da fruire, entro il sesto anno di vita del figlio, in alternativa tra i genitori che terminano il congedo di maternità o di paternità dopo il 31 dicembre 2022.

La Legge di Bilancio 2024 interviene nuovamente sull’articolo 34 del D.Lgs. n. 151/2001 in materia di congedo parentale.

In particolare, i genitori, che fruiscono alternativamente del congedo parentale hanno diritto, in aggiunta alla citata indennità all’80%, al riconoscimento di un’indennità pari al 60% (in luogo dell’attuale 30%), per un mese, entro il sesto anno di vita del bambino.

La durata massima del congedo parentale non varia.

Tale previsione si applica alle lavoratrici e ai lavoratori che terminano il periodo di congedo di maternità o di paternità dopo il 31 dicembre 2023.

Solo per il 2024 la misura dell’indennità riconosciuta per il mese ulteriore al primo è pari all’80% della retribuzione, invece che al 60%.

 

GLI ADEMPIMENTI DEL MESE DI FEBBRAIO 2024

 

 

VENERDì 16

Ritenute IRPEF mensili

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento delle ritenute alla fonte operate da tutti i datori di lavoro, sostituti d’imposta, sui redditi di lavoro dipendente e assimilati, corrisposti nel mese di gennaio 2024.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS mensili        

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi previdenziali a favore della generalità dei lavoratori dipendenti, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di gennaio 2024.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS Gestione EX-ENPALS mensili

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi previdenziali a favore dei lavoratori dello spettacolo, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di gennaio 2024.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS Gestione EX-INPGI mensili

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi previdenziali a favore dei giornalisti professionisti, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di gennaio 2024.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS mensili Gestione Separata

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento alla Gestione Separata dei contributi dovuti su compensi erogati nel mese di gennaio 2024 a collaboratori coordinati e continuativi.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Autoliquidazione INAIL

Versamento premio (regolarizzazione 2023 e anticipo 2024) o I rata.

Imposta sostitutiva sulle rivalutazioni del TFR

Versamento saldo dell’imposta sostitutiva sulle rivalutazioni del TFR maturate nell’anno 2023.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Addizionali

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento delle addizionali regionale/comunale su redditi da lavoro dipendente (gennaio 2024).

 

 

 

GIOVEDì 29

Invio telematico del flusso UniEmens

Ultimo giorno utile per inviare telematicamente la denuncia mensile UniEmens di dati retributivi e contributivi INPS per i lavoratori dipendenti e parasubordinati iscritti alla Gestione separata (co.co.co, lavoratori autonomi occasionali, incaricati della vendita a domicilio e associati in partecipazione) relativa ai compensi corrisposti nel mese di gennaio 2024.

Presentazione all’INPS del Flusso UniEmens tramite internet.

INPS Gestione ex-ENPALS – Denuncia contributiva unificata

Ultimo giorno utile per presentare la denuncia mensile unificata di somme dovute e versate, relative al mese di gennaio 2024, a favore dei lavoratori dello spettacolo.

Invio tramite Flusso UniEmens.

INPS Gestione agricoli – Denuncia contributiva unificata

Ultimo giorno utile per presentare la denuncia mensile unificata relativa agli operai agricoli a tempo indeterminato, determinato e compartecipanti individuali, e loro retribuzioni, contenente i dati relativi al mese di gennaio 2024.

Invio tramite Flusso UniEmens.

Contributi FASI

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento al FASI dei contributi sanitari integrativi per i dirigenti industriali relativi al trimestre gennaio – marzo 2024.

Versamento tramite bollettino di c/c postale predisposto dal FASI.

INAIL

Presentazione telematica delle dichiarazioni delle retribuzioni 2023 con eventuale domanda di riduzione del tasso medio di tariffa.

Stampa Libro unico

Ultimo giorno utile per effettuare la stampa del Libro unico relativamente alle variabili retributive del mese di gennaio 2024.

 

 

 

FESTIVITÀ CADENTI NEL MESE DI FEBBRAIO 2024

Eventuali festività legate alla ricorrenza del Santo Patrono.

 

 

 

 

 

 

Con la collaborazione del Centro Studi SEAC siamo lieti di inviarLe il n. 1 di

 

 – Gennaio 2024

 

LE ULTIME NOVITÀ

 

Ammortizzatori sociali e sostegno al reddito e alle famiglie: novità 2024

 

Circolare INPS n. 4 del 5 gennaio 2024

L’INPS ha fornito un quadro riepilogativo delle disposizioni contenute nella Legge di Bilancio 2024 in materia di ammortizzatori sociali in costanza di rapporto e di sostegno al reddito e alle famiglie nel corso dell’anno 2024.
Indennità di discontinuità: istruzioni

 

 

 

Circolare INPS n. 2 del 3 gennaio 2024

Sono state fornite le istruzioni applicative in merito all’indennità di discontinuità, introdotta a decorrere dal 1° gennaio 2024, a favore dei lavoratori autonomi e subordinati iscritti al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo (FPLS). La disciplina di dettaglio sugli obblighi contributivi in capo ai datori/committenti sarà illustrata con successiva Circolare.
Regime di tassazione del reddito delle persone fisiche per il periodo d’imposta 2024

 

 

 

 

Decreto Legislativo n. 216
del 30 dicembre 2023

Sono state introdotte, per il periodo d’imposta 2024, modifiche al regime di tassazione del reddito delle persone fisiche. In materia di aliquote IRPEF e scaglioni di reddito, il 2° scaglione (da euro 15.000 ad euro 28.000 con aliquota marginale del 25% nel periodo d’imposta 2023) è assorbito dal 1° scaglione che, pertanto, nel periodo d’imposta 2024, ricomprende i redditi fino ad euro 28.000 con aliquota marginale del 23%. Risultano confermati gli scaglioni di reddito successivi e le corrispondenti aliquote marginali. Viene incrementata la detrazione spettante per i redditi fino ad euro 15.000, passando da euro 1.880 ad euro 1.955 su base annua.
Decreto fiscalità internazionale: residenza fiscale e regime impatriati

 

Decreto Legislativo n. 209
del 27 dicembre 2023

È stato pubblicato il decreto (in vigore dal 29 dicembre 2023) recante “Attuazione della riforma fiscale in materia di fiscalità internazionale”.

Tra le novità si segnalano le modifiche alle disposizioni che individuano la residenza fiscale delle persone fisiche, nonché al regime degli impatriati.

Autoliquidazione 2023/2024: istruzioni per il calcolo del premio

 

 

 

Istruzioni operative INAIL
del 27 dicembre 2023

Sono disponibili sul portale dell’INAIL le istruzioni operative relative all’autoliquidazione 2023/2024. In particolare, l’Istituto riepiloga:

·        le riduzioni contributive che trovano applicazione in sede di autoliquidazione del premio 2023/2024;

·        le scadenze relative al versamento del premio (sia in unica soluzione che in quattro rate) e alla presentazione della dichiarazione delle retribuzioni effettivamente corrisposte nel 2023.

Esonero parità di genere 2023: domande entro il 30 aprile 2024

 

 

 

 

Messaggio INPS n. 4614
del 21 dicembre 2023

L’INPS, sul proprio sito internet, nella sezione “Portale delle Agevolazioni” (ex DiResCo), ha rilasciato il nuovo modulo di istanza on line “SGRAVIO PAR_GEN_2023” al fine di consentire l’invio delle richieste di accesso all’esonero contributivo connesso al conseguimento, entro il 31 dicembre 2023, della certificazione della parità di genere. Si rammenta che la misura si sostanzia in un esonero dal versamento dell’1% dei contributi previdenziali datoriali, nel limite massimo di 50.000 euro annui, fermo restando il limite di spesa di 50 milioni di euro annui.

 

 

 

COMMENTI

 

ESONERO PARITÀ DI GENERE 2023

L’articolo 5 della Legge n. 162/2021 prevede un esonero contributivo a favore dei datori di lavoro privati che siano in possesso della certificazione della parità di genere di cui all’articolo 46-bis del D.Lgs n. 198/2006.

Tale certificazione attesta le politiche e le misure concrete adottate dai datori di lavoro per ridurre il divario di genere in relazione alle opportunità di crescita in azienda, alla parità salariale e parità di mansioni, alle politiche di gestione delle differenze di genere, alla tutela della maternità.

Misura dell’esonero

L’esonero dal versamento dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro è pari all’1% nel limite massimo di 50.000 euro annui.

Il beneficio è fruito dai datori di lavoro in riduzione dei contributi previdenziali a loro carico e in relazione alle mensilità di validità della certificazione della parità di genere. In caso di revoca della certificazione le imprese interessate sono tenute a darne tempestiva comunicazione all’INPS e al Dipartimento per le pari opportunità.

Condizioni di accesso

La fruizione dell’esonero contributivo è subordinata:

  • alla regolarità degli obblighi di contribuzione previdenziale e all’assenza delle violazioni delle norme fondamentali a tutela delle condizioni di lavoro, cui è subordinato il rilascio del DURC;
  • al rispetto degli accordi e contratti collettivi nazionali nonché di quelli territoriali o aziendali, laddove sottoscritti, stipulati dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale;
  • all’assenza di provvedimenti di sospensione dei benefici contributivi adottati dall’INL;
  • al possesso della certificazione della parità di genere.

Presentazione delle domande

Ai fini dell’ammissione all’esonero, le aziende del settore privato, tramite il rappresentante legale, un suo delegato o gli intermediari abilitati, inoltrano, in via telematica, apposita domanda all’INPS.

Con Messaggio n. 4614 del 21 dicembre 2023 l’INPS ha annunciato che sul proprio sito internet, nella sezione “Portale delle Agevolazioni” (ex DiResCo), è stato rilasciato il nuovo modulo di istanza online “SGRAVIO PAR_GEN_2023” per consentire l’invio delle richieste di accesso al beneficio da parte dei datori di lavoro privati che hanno conseguito la certificazione della parità di genere entro il 31 dicembre 2023.

Le domande possono essere presentate fino al 30 aprile 2024 e devono contenere le seguenti informazioni:

  • i dati identificativi del datore di lavoro;
  • la dichiarazione sostitutiva (DPR n. 445/2000) di essere in possesso della certificazione della parità di genere;
  • il periodo di validità della certificazione, indicando a tal fin la data di rilascio della stessa;
  • la retribuzione mensile, l’aliquota datoriale e la forza aziendale medie stimate per il periodo di validità.

 

All’esito dell’elaborazione delle istanze, alle posizioni contributive alle quali verrà riconosciuto l’esonero, sarà attribuito il codice di autorizzazione (CA) “4R”.

 

 

 

GLI ADEMPIMENTI DEL MESE DI GENNAIO 2024

 

 

MERCOLEDì 10

Contributi INPS trimestrali personale domestico

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi previdenziali relativi al trimestre ottobre – dicembre 2023 per il personale domestico.

Versamento tramite bollettino MAV.

Contributi “Fondo M. Negri”, “Fondo A. Pastore” e “Fondo M. Besusso” trimestrali

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi di previdenza e assistenza integrativa, rispettivamente al “Fondo M. Negri”, al “Fondo A. Pastore” e al “Fondo M. Besusso”, a favore di dirigenti di aziende commerciali, relativi al trimestre ottobre – dicembre 2023.

Versamento tramite bonifico bancario.

 

LUNEDì 15

Assistenza fiscale

Ultimo giorno per il sostituto d’imposta per comunicare ai propri sostituiti di voler prestare assistenza fiscale.

 

MARTEDì 16

Ritenute IRPEF mensili

Ultimo giorno utile per versamento ritenute alla fonte operate da tutti i datori di lavoro, sostituti d’imposta, sui redditi di lavoro dipendente e assimilati, corrisposti nel mese di dicembre 2023.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS mensili

Ultimo giorno utile per versamento contributi previdenziali a favore della generalità dei lavoratori dipendenti, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di dicembre 2023.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS Gestione EX-ENPALS mensili

Ultimo giorno utile per versamento contributi previdenziali a favore dei lavoratori dello spettacolo, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di dicembre 2023.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS Gestione EX-INPGI mensili

Ultimo giorno utile per versamento contributi previdenziali a favore dei giornalisti professionisti, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di dicembre 2023.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS mensili Gestione Separata

Ultimo giorno utile per versamento alla Gestione Separata di contributi dovuti su compensi erogati nel mese di dicembre 2023 a collaboratori coordinati e continuativi.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

 

 

SABATO 20 ® LUNEDì 22

Contributi Previndai e Previndapi trimestrali

Ultimo giorno per effettuare il versamento dei contributi integrativi a favore dei dirigenti di aziende industriali e delle piccole e medie industrie, relativi al trimestre ottobre – dicembre 2023.

Versamento tramite bonifico bancario.

 

 

MERCOLEDì 31

Invio telematico del flusso UNIEMENS

Ultimo giorno utile per inviare telematicamente la denuncia mensile UniEmens di dati retributivi e contributivi INPS per i lavoratori dipendenti e parasubordinati iscritti alla Gestione separata (co.co.co, lavoratori autonomi occasionali, incaricati della vendita a domicilio e associati in partecipazione) relativa ai compensi corrisposti nel mese di dicembre 2023.

Presentazione all’INPS del Flusso UniEmens tramite internet.

INPS Gestione ex-ENPALS – Denuncia contributiva unificata

Ultimo giorno utile per presentare la denuncia mensile unificata di somme dovute e versate, relative al mese di dicembre 2023, a favore dei lavoratori dello spettacolo.

Invio tramite Flusso UniEmens.

INPS Gestione agricoli – Denuncia contributiva unificata

Ultimo giorno utile per presentare la denuncia mensile unificata relativa agli operai agricoli a tempo indeterminato, determinato e compartecipanti individuali, e loro retribuzioni, contenente i dati relativi al mese di dicembre 2023.

Invio tramite Flusso UniEmens.

Collocamento obbligatorio

Invio al servizio competente del prospetto informativo da parte dei datori di lavoro soggetti alla disciplina in materia di assunzioni obbligatorie.

Stampa Libro unico

Ultimo giorno utile per effettuare la stampa del Libro unico relativamente alle variabili retributive del mese di dicembre 2023.

 

 

FESTIVITÀ CADENTI NEL MESE DI GENNAIO 2024

Lunedì 1: Primo giorno dell’anno

Sabato 6: Festa dell’Epifania

Eventuali festività legate alla ricorrenza del Santo Patrono

 

Con la collaborazione del Centro Studi SEAC siamo lieti di inviarLe il n. 24 di

 

 – Dicembre 2023

 

LE ULTIME NOVITÀ

 

Conguaglio di fine anno 2023: istruzioni operative

 

Circolare INPS n. 106
del 20 dicembre 2023

L’INPS fornisce chiarimenti e precisazioni sulle operazioni di conguaglio di fine anno 2023 per i datori di lavoro privati non agricoli che utilizzano la dichiarazione contributiva UniEmens nonché per i datori di lavoro iscritti alla Gestione pubblica che utilizzano il flusso Uniemens ListaPosPA.
Decontribuzione Sud prorogata
fino al 30 giugno 2024
 

 

 

Ministero del Lavoro Notizia
del 19 dicembre 2023

Il Ministero del Lavoro rende noto che la Commissione Europea ha accolto la richiesta di estendere l’autorizzazione all’utilizzo della misura “Decontribuzione Sud”, per ulteriori 6 mesi, fino al 30 giugno 2024. Si rammenta che il bonus “Decontribuzione Sud”, introdotta dalla Legge di Bilancio 2021, prevede un esonero contributivo massimo del 30% in favore dei datori di lavoro privati, con sede in una delle Regioni del Mezzogiorno, con riferimento ai rapporti di lavoro dipendente.
Sconto artigiani per il 2023

 

 

 

Decreto interministeriale
27 ottobre 2023

In data 18 dicembre 2023 è stato pubblicato, nella sezione “Pubblicità legale” del portale www.lavoro.gov.it, il Decreto interministeriale con il quale il Ministro del Lavoro e il Ministro dell’Economia e delle Finanze hanno stabilito che la riduzione, spettante alle imprese artigiane che non hanno avuto infortuni nel biennio 2021/2022, è fissata in misura pari al 4,99% dell’importo del premio assicurativo dovuto per il 2023.
Interessi legali al 2,5%
dal 1° gennaio 2024
 

MEF Decreto 29 novembre 2023
(G.U. n. 288 dell’11 dicembre 2023)

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha stabilito che, dal 1° gennaio 2024, la misura del saggio degli interessi legali è pari al 2,5% in ragione d’anno. Tale variazione influisce sulla determinazione degli interessi dovuti dal contribuente per regolarizzare, mediante il ravvedimento operoso, le omissioni/irregolarità commesse in sede di versamento dei tributi.
Compensi dei lavoratori sportivi dilettanti: disciplina fiscale nel 2023

 

 

 

 

 

Risposta dell’Agenzia delle Entrate

n. 474 dell’11 dicembre 2023

In merito al trattamento fiscale dei compensi percepiti dai lavoratori sportivi nell’area del dilettantismo per il periodo d’imposta 2023, l’Agenzia ha chiarito che la nuova soglia di esenzione di 15.000 euro si riferisce all’intero periodo d’imposta 2023, anche se la Riforma dello Sport è entrata in vigore lo scorso 1° luglio. I compensi erogati da tale data, quindi, devono essere assoggettati a tassazione per la parte eccedente l’importo di 15.000 euro, da determinare nel 2023, tenendo conto degli eventuali compensi erogati nel periodo gennaio-giugno 2023, esclusi da imposizione fino a 10.000 euro.
INAIL e giornalisti dipendenti: aziende al via per le denunce

 

 

Circolare INAIL n. 53 del 6 dicembre 2023

Sono state fornite le indicazioni operative riguardo l’estensione dell’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali di giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti titolari di un rapporto di lavoro subordinato di natura giornalistica, gestita dall’Istituto a decorrere dal 1° gennaio 2024.

 

 

 

COMMENTI

 

DECRETO ANTICIPI E LAVORO AGILE: LE NOVITÀ

 

La Legge n. 191 del 15 dicembre 2023 di conversione del cosiddetto “Decreto Anticipi”, recante misure urgenti in materia economica e fiscale, in favore degli enti territoriali, a tutela del lavoro e per esigenze indifferibili, ha introdotto alcune novità per datori di lavoro e lavoratori.

 

Di particolare rilievo risultano essere:

  • la modifica delle regole di determinazione del valore imponibile, nell’ambito dei redditi da lavoro dipendente o equiparati e assimilati, del fringe benefit relativo alla concessione di prestiti;
  • alcune norme transitorie inerenti all’area sportiva dilettantistica, con particolare riguardo alle comunicazioni per i direttori di gara e alle modifiche statutarie;
  • proroghe in materia di lavoro agile;
  • il differimento dei termini relativi agli adempimenti ed ai versamenti tributari e contributivi a seguito degli eventi calamitosi del 2 novembre 2023 (Regione Toscana).

 

Ulteriori novità da segnalare riguardano:

  • la trasmissione telematica all’Agenzia delle entrate dei dati contenuti nelle schede relative alle scelte per la destinazione dell’8, del 5 e del 2 per mille dell’IRPEF, da parte dei sostituti d’imposta che prestano assistenza fiscale;
  • l’indennità una tantum per i lavoratori a tempo parziale ciclico;
  • l’introduzione di disposizioni transitorie in materia di Reddito di cittadinanza.

 

Lavoro agile

 

La Legge in esame proroga dal 31 dicembre 2023 al 31 marzo 2024 alcune disposizioni transitorie in materia di lavoro agile, relative:

  • al diritto di alcuni lavoratori al ricorso a tale istituto;
  • alla possibilità di svolgimento della prestazione in modalità agile anche attraverso strumenti informatici nella disponibilità del dipendente.

 

In particolare, la norma transitoria sul diritto allo svolgimento della prestazione in modalità agile riguarda i lavoratori dipendenti del settore privato che abbiano almeno un figlio minore di 14 anni (a condizione che nel nucleo familiare non vi sia altro genitore beneficiario di strumenti di sostegno al reddito, in caso di sospensione o cessazione dell’attività lavorativa, e che non vi sia genitore non lavoratore).

 

Il diritto è subordinato alla condizione che tale modalità sia compatibile con le caratteristiche della prestazione.

 

La proroga concerne, inoltre, la disposizione secondo cui la prestazione in modalità agile può essere svolta anche attraverso strumenti informatici nella disponibilità del dipendente.

 

 

 

 

GLI ADEMPIMENTI DEL MESE DI GENNAIO 2024

 

 

31 DICEMBRE (DOMENICA) ® MARTEDì 2

Invio telematico del flusso UNIEMENS

Ultimo giorno utile per inviare telematicamente la denuncia mensile UniEmens di dati retributivi e contributivi INPS per i lavoratori dipendenti e parasubordinati iscritti alla Gestione separata (co.co.co, lavoratori autonomi occasionali, incaricati della vendita a domicilio e associati in partecipazione) relativa ai compensi corrisposti nel mese di novembre 2023.

Presentazione all’INPS del Flusso UniEmens tramite internet.

INPS Gestione ex-ENPALS – Denuncia contributiva unificata

Ultimo giorno utile per presentare la denuncia mensile unificata di somme dovute e versate, relative al mese di novembre 2023, a favore dei lavoratori dello spettacolo.

Invio tramite Flusso UniEmens.

INPS Gestione agricoli – Denuncia contributiva unificata

Ultimo giorno utile per presentare la denuncia mensile unificata relativa agli operai agricoli a tempo indeterminato, determinato e compartecipanti individuali, e loro retribuzioni, contenente i dati relativi al mese di novembre 2023.

Invio tramite Flusso UniEmens.

Stampa Libro unico

Ultimo giorno utile per effettuare la stampa del Libro unico relativamente alle variabili retributive del mese di novembre 2023.

 

MERCOLEDì 10

Contributi INPS trimestrali personale domestico

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi previdenziali relativi al trimestre ottobre – dicembre 2023 per il personale domestico.

Versamento tramite bollettino MAV.

Contributi “Fondo M. Negri”, “Fondo A. Pastore” e “Fondo M. Besusso” trimestrali

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi di previdenza ed assistenza integrativa, rispettivamente al “Fondo M. Negri”, al “Fondo A. Pastore” ed al “Fondo M. Besusso”, a favore di dirigenti di aziende commerciali, relativi al trimestre ottobre – dicembre 2023. Versamento tramite bonifico bancario.

 

LUNEDì 15

Assistenza fiscale

Ultimo giorno per il sostituto d’imposta per comunicare ai propri sostituiti di voler prestare assistenza fiscale.

 

MARTEDì 16

Ritenute IRPEF mensili

Ultimo giorno utile per versamento ritenute alla fonte operate da tutti i datori di lavoro, sostituti d’imposta, sui redditi di lavoro dipendente e assimilati, corrisposti nel mese di dicembre 2023.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS mensili

Ultimo giorno utile per versamento contributi previdenziali a favore della generalità dei lavoratori dipendenti, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di dicembre 2023.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS Gestione EX-ENPALS mensili

Ultimo giorno utile per versamento contributi previdenziali a favore dei lavoratori dello spettacolo, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di dicembre 2023.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS Gestione EX-INPGI mensili

Ultimo giorno utile per versamento contributi previdenziali a favore dei giornalisti professionisti, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di dicembre 2023.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS mensili Gestione Separata

Ultimo giorno utile per versamento alla Gestione Separata di contributi dovuti su compensi erogati nel mese di dicembre 2023 a collaboratori coordinati e continuativi.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

 

SABATO 20 ® LUNEDì 22

Contributi Previndai e Previndapi trimestrali

Ultimo giorno per effettuare il versamento dei contributi integrativi a favore dei dirigenti di aziende industriali e delle piccole e medie industrie, relativi al trimestre ottobre – dicembre 2023.

Versamento tramite bonifico bancario.

 

MERCOLEDì 31

Invio telematico del flusso UNIEMENS

Ultimo giorno utile per inviare telematicamente la denuncia mensile UniEmens di dati retributivi e contributivi INPS per i lavoratori dipendenti e parasubordinati iscritti alla Gestione separata (co.co.co, lavoratori autonomi occasionali, incaricati della vendita a domicilio e associati in partecipazione) relativa ai compensi corrisposti nel mese di dicembre 2023.

Presentazione all’INPS del Flusso UniEmens tramite internet.

INPS Gestione ex-ENPALS – Denuncia contributiva unificata

Ultimo giorno utile per presentare la denuncia mensile unificata di somme dovute e versate, relative al mese di dicembre 2023, a favore dei lavoratori dello spettacolo.

Invio tramite Flusso UniEmens.

INPS Gestione agricoli – Denuncia contributiva unificata

Ultimo giorno utile per presentare la denuncia mensile unificata relativa agli operai agricoli a tempo indeterminato, determinato e compartecipanti individuali, e loro retribuzioni, contenente i dati relativi al mese di dicembre 2023.

Invio tramite Flusso UniEmens.

Collocamento obbligatorio

Invio al servizio competente del prospetto informativo da parte dei datori di lavoro soggetti alla disciplina in materia di assunzioni obbligatorie.

Stampa Libro unico

Ultimo giorno utile per effettuare la stampa del Libro unico relativamente alle variabili retributive del mese di dicembre 2023.

 

FESTIVITÀ CADENTI NEL MESE DI GENNAIO 2024

Lunedì 1: Primo giorno dell’anno

Sabato 6: Festa dell’Epifania

Eventuali festività legate alla ricorrenza del Santo Patrono.

 

Con la collaborazione del Centro Studi SEAC siamo lieti di inviarLe il n. 23 di

 

 – Dicembre 2023

 

LE ULTIME NOVITÀ

 

Indennità di discontinuità per i lavoratori dello spettacolo

 

 

 

Messaggio INPS n. 4332
del 4 dicembre 2023

Sono fornite le prime indicazioni operative riguardanti l’indennità di discontinuità spettante ai lavoratori dello spettacolo. L’Istituto riepiloga, in particolare, i destinatari e i requisiti di spettanza dell’indennità al fine di agevolare la presentazione delle domande. Fornisce, quindi, le istruzioni per le modalità di presentazione delle prime richieste per i periodi di competenza relativi all’anno 2022: esclusivamente in modalità telematica, a partire dal 4 dicembre sino al 15 dicembre 2023, a pena di decadenza.
Riduzione dei premi INAIL per il 2024

 

Decreto interministeriale
8 novembre 2023

Il Ministero del Lavoro e il MEF, con apposito decreto, rendono noto che la riduzione dei premi e dei contributi per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali prevista dalla Legge n. 147/2013 è pari, per l’anno 2024, al 15,11%.
Conversione Decreto Proroghe: novità e conferme

 

Legge n. 170 del 27 novembre 2023

È stata pubblicata la legge di conversione, con modificazioni, del decreto recante “Disposizioni urgenti in materia di proroga di termini normativi e versamenti fiscali. Tra le varie misure, si ricorda la proroga al 31 dicembre 2023 del lavoro agile per i lavoratori “fragili”.
Lavoratori sportivi: indicazioni sulla tutela della malattia

 

 

 

 

 

 

Messaggio INPS n. 4182
del 24 novembre 2023

Vengono fornite indicazioni sulla tutela previdenziale della malattia nei confronti dei lavoratori sportivi. Sono esclusi dalla tutela i lavoratori autonomi del settore professionistico, non tenuti al versamento di contribuzione di finanziamento dell’assicurazione di malattia. Agli aventi diritto si applicano le disposizioni previste per la generalità dei lavoratori subordinati e per gli iscritti alla Gestione separata. Sono, quindi, tenuti a richiedere e presentare il certificato medico e ad essere reperibili nelle fasce orarie per l’eventuale controllo domiciliare medico legale, disposto su richiesta del datore o dall’INPS. Anche il flusso del processo gestionale non si differenzia da quello della generalità dei lavoratori.
Assunzione giovani e riclassificazione del rapporto di lavoro: chiarimenti

 

Msg. INPS n. 4178 del 24 novembre 2023

L’INPS ha fornito la sua interpretazione circa la riconoscibilità degli esoneri per l’occupazione giovanile a seguito di riqualificazione di un precedente rapporto di lavoro in contratto di lavoro a tempo indeterminato.
Assistenza alla stessa persona disabile in situazione di gravità

 

 

 

 

 

Messaggi INPS nn. 4143 e 4147
del 22 novembre 2023

L’INPS ha fornito indicazioni sulla gestione del congedo straordinario e dei permessi retribuiti ex art. 33 della Legge n. 104/1992 in favore di più richiedenti per assistere, nello stesso periodo, il medesimo soggetto con disabilità in situazione di gravità. Fermo restando che il congedo straordinario non può essere riconosciuto a più di un lavoratore per l’assistenza alla stessa persona, viene precisato che l’Istituto può, invece, autorizzare sia la fruizione del congedo straordinario che la fruizione dei permessi retribuiti a più lavoratori per l’assistenza allo stesso soggetto con disabilità grave, alternativamente e purché non negli stessi giorni.

 

 

 

COMMENTI

WHISTLEBLOWING: NOVITÀ IN ARRIVO DAL PROSSIMO 17 DICEMBRE

Il whistleblowing è uno strumento di compliance aziendale che consente a dipendenti, collaboratori o altri soggetti terzi di un’azienda (ad esempio, ai fornitori) di segnalare, denunciare o divulgare pubblicamente, anche in modo anonimo, eventuali reati o illeciti che abbiano riscontrato nel loro rapporto con l’azienda stessa.

 

La disciplina del whistleblowing è stata introdotta nell’ordinamento italiano nel 2012, con l’inserimento dell’articolo 54-bis all’interno del Decreto Legislativo n. 165/2001 (Testo Unico del pubblico impiego). Successivamente, con la Legge n. 179 del 30 novembre 2017, il whistleblowing è stato esteso anche al settore privato.

 

Il legislatore è poi intervenuto con il Decreto Legislativo n. 24 del 10 marzo 2023, che ha recepito in Italia la Direttiva (UE) 2019/1937 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 ottobre 2019, riguardante la protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell’Unione e delle disposizioni normative nazionali. La predetta Direttiva ha introdotto, per tutti gli Stati membri, un vero e proprio diritto alla segnalazione.

 

Una delle principali disposizioni contenute nel Decreto Legislativo n. 24/2023 riguarda l’introduzione dell’obbligo, sia per gli enti del settore pubblico sia per quelli del settore privato, di attivazione di un canale di segnalazione interna.

Tale obbligo decorre dal 15 luglio 2023 per:

  • i soggetti del settore pubblico;
  • i soggetti del settore privato che hanno impiegato, nell’ultimo anno, una media di lavoratori subordinati, con contratto a tempo indeterminato o determinato, superiore a 249.

 

Per i soli soggetti del settore privato che hanno impiegato, nell’ultimo anno, una media di lavoratori subordinati, con contratto a tempo indeterminato o determinato, fino a 249, la nuova disciplina si applica dal 17 dicembre 2023 (anziché dal 15 luglio 2023).

 

Il canale interno di segnalazione deve garantire la riservatezza:

  • della persona segnalante;
  • della persona coinvolta;
  • della persona comunque nominata nella segnalazione;
  • del contenuto della segnalazione;
  • della documentazione allegata alla segnalazione.

 

Le segnalazioni possono essere effettuate:

  • in forma scritta, anche mediante strumentazione informatica, attraverso canali che ricorrano alla crittografia, oppure
  • in forma orale. In tal caso si può ricorrere alle linee telefoniche, a sistemi di messaggistica vocale o ad un incontro diretto (se richiesto dal segnalante) da fissare entro un termine ragionevole.

 

 

 

 

 

 

GLI ADEMPIMENTI DEL MESE DI DICEMBRE 2023

 

 

DOMENICA 10 ® LUNEDì 11

Adempimenti e versamenti sospesi per eventi alluvionali

Il DL n. 132/2023 (art. 3, comma 2-quater), come convertito dalla Legge n. 170/2023, ha fissato al 10 dicembre 2023 e, di fatto, in quanto cadente di domenica all’11 dicembre 2023, il termine entro il quale effettuare gli adempimenti e i versamenti fiscali e contributivi, inclusi i premi INAIL, in unica soluzione e senza applicazione di sanzioni e interessi, relativi al periodo di sospensione 1 maggio 2023 – 31 agosto 2023, da parte dei soggetti che alla data del 1° maggio 2023 avevano la residenza ovvero la sede legale o la sede operativa nei territori di Emilia Romagna, Marche e Toscana, colpiti dall’alluvione.

 

 

SABATO 16 ® LUNEDì 18

Ritenute IRPEF mensili

Ultimo giorno utile per versamento ritenute alla fonte operate da tutti i datori di lavoro, sostituti d’imposta, sui redditi di lavoro dipendente e assimilati, corrisposti nel mese di novembre 2023.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS mensili

Ultimo giorno utile per versamento contributi previdenziali a favore della generalità dei lavoratori dipendenti, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di novembre 2023.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS Gestione EX-ENPALS mensili

Ultimo giorno utile per versamento contributi previdenziali a favore dei lavoratori dello spettacolo, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di novembre 2023.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS Gestione EX-INPGI mensili

Ultimo giorno utile per versamento contributi previdenziali a favore dei giornalisti professionisti, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di novembre 2023.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS mensili Gestione Separata

Ultimo giorno utile per versamento alla Gestione Separata di contributi dovuti su compensi erogati nel mese di novembre 2023 a collaboratori coordinati e continuativi.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi operai agricoli

Ultimo giorno utile per versamento contributi relativi agli operai agricoli occupati nel trimestre aprile -giugno 2023.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

TFR – Imposta sostitutiva sulla rivalutazione

Versamento dell’acconto sulle rivalutazioni del TFR maturate nell’anno 2023.

Addizionali

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento delle addizionali regionale/comunale su redditi da lavoro dipendente (novembre 2023).

 

 

DOMENICA 31 ® LUNEDì 2 GeNNAIO

Invio telematico del flusso UNIEMENS

Ultimo giorno utile per inviare telematicamente la denuncia mensile UniEmens di dati retributivi e contributivi INPS per i lavoratori dipendenti e parasubordinati iscritti alla Gestione separata (co.co.co, lavoratori autonomi occasionali, incaricati della vendita a domicilio e associati in partecipazione) relativa ai compensi corrisposti nel mese di novembre 2023.

Presentazione all’INPS del Flusso UniEmens tramite internet.

INPS Gestione ex-ENPALS – Denuncia contributiva unificata

Ultimo giorno utile per presentare la denuncia mensile unificata di somme dovute e versate, relative al mese di novembre 2023, a favore dei lavoratori dello spettacolo.

Invio tramite Flusso UniEmens.

INPS Gestione agricoli – Denuncia contributiva unificata

Ultimo giorno utile per presentare la denuncia mensile unificata relativa agli operai agricoli a tempo indeterminato, determinato e compartecipanti individuali, e loro retribuzioni, contenente i dati relativi al mese di novembre 2023.

Invio tramite Flusso UniEmens.

Stampa Libro unico

Ultimo giorno utile per effettuare la stampa del Libro unico relativamente alle variabili retributive del mese di novembre 2023.

 

 

FESTIVITÀ CADENTI NEL MESE DI DICEMBRE 2023

Venerdì 8: Festività dell’Immacolata Concezione

Lunedì 25: Santo Natale

Martedì 26: Santo Stefano

Eventuali festività legate alla ricorrenza del Santo Patrono.

Con la collaborazione del Centro Studi SEAC siamo lieti di inviarLe il n. 22 di

 

 – Novembre 2023

 

LE ULTIME NOVITÀ

 

Lavoro sportivo dilettantistico:
il modello “Unilav-Sport”
 

 

 

 

 

 

 

 

DPCM 27 ottobre 2023 (Pubblicità legale Ministero Lavoro 21 novembre 2023)

Definite le modalità di comunicazione dei dati necessari all’individuazione del rapporto di lavoro sportivo di tipo dilettantistico. In particolare, tale obbligo di comunicazione può essere assolto, in via alternativa, attraverso:

·        il Registro nazionale delle attività sportive dilettantistiche c.d. “Rasd”;

·        il portale dei servizi digitali del Ministero del Lavoro.

A tal fine viene introdotto il modello “Unilav-Sport”. Le comunicazioni rese dai datori di lavoro sportivo con il “Rasd”, dal 1° luglio 2023 e fino al 22 novembre 2023 (entrata in vigore del decreto), restano valide per l’assolvimento dell’obbligo di comunicazione. In prima applicazione, il termine del 30° giorno del mese successivo all’inizio del rapporto di lavoro decorre dal 22 novembre 2023. Per tali rapporti il termine ultimo per effettuare la comunicazione è fissato al 30 dicembre 2023.

Settori e professioni con disparità uomo-donna superiore al 25%

 

 

Decreto interministeriale n. 365
del 20 novembre 2023

Il Ministero del Lavoro, di concerto con il MEF, ha individuato per il 2024, i settori e le professioni caratterizzati da un tasso di disparità uomo-donna che superi di almeno il 25% la disparità media uomo-donna, sulla base delle elaborazioni effettuate dall’lSTAT in relazione alla media annua del 2022. I settori e le professioni individuati sono elencati nelle tabelle allegate all’opposito decreto interministeriale.
Co.co.co sportivi e amministrativo-gestionali: proroga al 30 novembre 2023 dei versamenti contributivi

 

 

 

Messaggio INPS n. 4012
del 14 novembre 2023

L’INPS ha reso nota la proroga al 30 novembre 2023 del termine di versamento dei contributi relativi ai compensi effettivamente erogati nel periodo di competenza di “ottobre 2023” ai lavoratori sportivi titolari di contratti di collaborazione coordinata e continuativa, ai lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa con attività di carattere amministrativo-gestionale e ai lavoratori dipendenti delle Amministrazioni pubbliche autorizzati a svolgere attività retribuita, per i quali è previsto l’obbligo di versamento presso la Gestione separata.
Minimali e massimali INAIL
dal 1° luglio 2023
 

Circolare INAIL 8 novembre 2023, n. 47

Gli importi dei minimali e massimali di rendita da utilizzare a partire dal 1° luglio 2023 sono stati determinati sulla base del DM n. 89 del 21 giugno 2023, che stabilisce il minimale e il massimale di rendita nelle misure, rispettivamente, di euro 19.221,30 ed euro 35.696,70.
Conguaglio previdenziale fringe benefits 2023: istruzioni operative

 

 

 

Messaggio INPS n. 3884
del 6 novembre 2023

Sono state fornite istruzioni per le operazioni di conguaglio previdenziale da parte dei datori che hanno riconosciuto fringe benefits (beni e servizi e, nei casi ammessi, somme a rimborso di spese sostenute per le utenze domestiche) nonché buoni carburante ai lavoratori dipendenti nel corso del 2023, in ragione dell’innalzamento del limite di esenzione a 3.000 euro per i lavoratori con figli fiscalmente a carico. Inoltre, vengono fornite precisazioni sull’imponibilità ai fini contributivi dei buoni carburante.

 

 

 

COMMENTI

MATERNITÀ: NOVITÀ IN ARRIVO CON LA LEGGE DI BILANCIO 2024

Di seguito si anticipano le disposizioni a sostegno della maternità contenute nel disegno di legge “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2024 e bilancio pluriennale per il triennio 2024-2026”, attualmente all’esame del Senato (A.S. n. 926).

Si ricorda che la Legge di Bilancio 2024, salvo quanto diversamente previsto, entrerà in vigore, dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, il 1° gennaio 2024.

Congedo parentale

Il Disegno di Legge di Bilancio 2024 dispone, per i genitori che fruiscono alternativamente del congedo parentale, in aggiunta all’attuale previsione di un’indennità pari all’80% della retribuzione per un mese:

  • il riconoscimento di un’indennità pari al 60% (in luogo dell’attuale 30%);
  • per un mese;
  • entro il sesto anno di vita del bambino.

 

Non varia, pertanto, la durata massima del congedo parentale.

Per il solo anno 2024 la misura dell’indennità riconosciuta per il mese ulteriore al primo è pari all’80% della retribuzione, invece che al 60%.

La disposizione in esame si applica ai lavoratori che terminano, dopo il 31 dicembre 2023, il periodo di congedo di maternità o, in alternativa, di paternità.

 

Decontribuzione delle lavoratrici con figli

Il Disegno di Legge di Bilancio 2024 introduce un esonero previdenziale per le lavoratrici con figli.

Per i periodi di paga dal 1° gennaio 2024 al 31 dicembre 2026, è riconosciuto un esonero del 100% dei contributi previdenziali per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti:

  • nel limite massimo annuo di 3.000 euro, riparametrato su base mensile;
  • a carico delle lavoratrici madri di tre o più figli, fino al mese di compimento del diciottesimo anno di età del figlio più piccolo;
  • con rapporto di lavoro dipendente a tempo indeterminato, ad esclusione dei rapporti di lavoro domestico.

 

In via sperimentale, per i periodi di paga dal 1° gennaio 2024 al 31 dicembre 2024, tale esonero è riconosciuto anche alle lavoratrici madri di due figli con rapporto di lavoro dipendente a tempo indeterminato, ad esclusione dei rapporti di lavoro domestico, fino al mese del compimento del decimo anno di età del figlio più piccolo.

 

 

GLI ADEMPIMENTI DEL MESE DI DICEMBRE 2023

 

 

SABATO 16 ® LUNEDì 18

Ritenute IRPEF mensili

Ultimo giorno utile per versamento ritenute alla fonte operate da tutti i datori di lavoro, sostituti d’imposta, sui redditi di lavoro dipendente e assimilati, corrisposti nel mese di novembre 2023.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS mensili

Ultimo giorno utile per versamento contributi previdenziali a favore della generalità dei lavoratori dipendenti, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di novembre 2023.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS Gestione EX-ENPALS mensili

Ultimo giorno utile per versamento contributi previdenziali a favore dei lavoratori dello spettacolo, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di novembre 2023.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS Gestione EX-INPGI mensili

Ultimo giorno utile per versamento contributi previdenziali a favore dei giornalisti professionisti, relativi alle retribuzioni maturate nel periodo di paga di novembre 2023.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi INPS mensili Gestione Separata

Ultimo giorno utile per versamento alla Gestione Separata di contributi dovuti su compensi erogati nel mese di novembre 2023 a collaboratori coordinati e continuativi.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

Contributi operai agricoli

Ultimo giorno utile per versamento contributi relativi agli operai agricoli occupati nel trimestre aprile -giugno 2023.

Versamento a mezzo dichiarazione unificata, Modello F24 “Fisco/INPS/Regioni”.

TFR – Imposta sostitutiva sulla rivalutazione

Versamento dell’acconto sulle rivalutazioni del TFR maturate nell’anno 2023.

Addizionali

Ultimo giorno utile per effettuare il versamento delle addizionali regionale/comunale su redditi da lavoro dipendente (novembre 2023).

 

 

DOMENICA 31 ® LUNEDì 2 GeNNAIO

Invio telematico del flusso UNIEMENS

Ultimo giorno utile per inviare telematicamente la denuncia mensile UniEmens di dati retributivi e contributivi INPS per i lavoratori dipendenti e parasubordinati iscritti alla Gestione separata (co.co.co, lavoratori autonomi occasionali, incaricati della vendita a domicilio e associati in partecipazione) relativa ai compensi corrisposti nel mese di novembre 2023.

Presentazione all’INPS del Flusso UniEmens tramite internet.

INPS Gestione ex-ENPALS – Denuncia contributiva unificata

Ultimo giorno utile per presentare la denuncia mensile unificata di somme dovute e versate, relative al mese di novembre 2023, a favore dei lavoratori dello spettacolo.

Invio tramite Flusso UniEmens.

INPS Gestione agricoli – Denuncia contributiva unificata

Ultimo giorno utile per presentare la denuncia mensile unificata relativa agli operai agricoli a tempo indeterminato, determinato e compartecipanti individuali, e loro retribuzioni, contenente i dati relativi al mese di novembre 2023.

Invio tramite Flusso UniEmens.

Stampa Libro unico

Ultimo giorno utile per effettuare la stampa del Libro unico relativamente alle variabili retributive del mese di novembre 2023.

 

 

FESTIVITÀ CADENTI NEL MESE DI DICEMBRE 2023

Venerdì 8: Festività dell’Immacolata Concezione

Lunedì 25: Santo Natale

Martedì 26: Santo Stefano

Eventuali festività legate alla ricorrenza del Santo Patrono.